Home

 

Aprire le Ali e Alzarsi in Volo

Data e Luogo da Definire

 

In alto, il vento addosso e l’infinito di fronte. 

Si aprono le braccia e si è consapevoli che tutto ci è ignoto…
… e il ritorno al quotidiano diviene l’inizio del viaggio.
Non esiste più il quotidiano, 
solo un viaggio infinito

Alberto Bonazzi

 

Sentiamo nella quotidianità il compiersi del mistero della vita o una specie di prigione di cui liberarci alla prima vacanza? Quando la quotidianità diviene pesante il nostro cuore ha bisogno di “alzarsi in volo”

Che cosa ci permette di volare?
Prima di tutto la sensazione di leggerezza esistenziale. Questa dipende in parte dai carichi effettivi che portiamo, ma anche e soprattutto da quanto questi sono coerenti con il nostro sentire più intimo. Lo stesso lavoro può essere una gioia per qualcuno, insopportabile per un altro. Ciò che un tempo ci faceva volare ora può essere una gabbia.

Sono inoltre importanti gli spazi di libertà interiore. Più è ampio lo spazio d’aria interiore e più grandi sono le ali del proprio volo.  

C’è poi la capacità di abbandonarsi a ciò che la propria vita offre: avere il coraggio di ascoltare il proprio cuore e di lanciarsi anima e corpo in ciò che si sente, con la fiducia che la vita sosterrà le proprie scelte come l’aria sostiene le ali di un uccello.

Basta poi un “pizzico” di determinazione e … si prende il volo, e il semplice atto di volare aiuta gli altri a respirare e a trovare la strada per aprire il proprio cuore.

Questo stage propone un percorso guidato per ritrovare tutti gli ingredienti per dare le ali alla propria vita.