Home

 

La Morte e il Morire

Data e Luogo da Definire

 

con la collaborazione di Francesca Dalmastri

La ricerca di sé in Biodanza si compie attraverso una sensibilizzazione alla Vita: in noi stessi, nell’altro, nella natura.

Questa sensibilizzazione porta a un riconoscimento della transitorietà di ogni istante e aumenta la consapevolezza di come la Morte sia parte del nostro percorso esistenziale. 

All’opposto, il tentativo di rimuovere la coscienza della Morte e tenerla ben separata dal proprio vissuto quotidiano ha come conseguenza un’immagine distorta e sbiadita della Vita che nel quotidiano fluisce e un impoverimento del senso della propria identità. 

Ci sono situazioni in cui non è possibile sottrarsi alla coscienza della Morte, come nella vicinanza a una persona cara che ci sta per lasciare. In questi casi qualcosa di molto profondo può cambiare nel proprio modo di rapportarsi al mondo e alla Vita stessa. 

Condividere il mistero del tempo che quella persona ha a disposizione è un’occasione preziosa, in cui vorremmo dare il meglio di noi stessi. 

L’esperienza suscita una grande paura perché il dolore associato alla perdita è un dolore inconcepibile. Siamo anche spaventati perché non abbiamo gli strumenti e le informazioni che ci possono aiutare a gestire gli aspetti pratici e a confrontarci con le reazioni emotive che emergono nello stato di malattia avanzata.

La nostra cultura non ci prepara più a questo. 

Questo stage propone esperienze per aiutare ad integrare la coscienza della Morte al senso della propria Identità, per una maggiore pienezza esistenziale. Aiuta anche ad attivare le proprie risorse emotive per meglio accompagnare una persona cara negli ultimi giorni di vita, offrendo anche alcuni suggerimenti pratici su cosa, come e quando fare o non fare. 

 

Francesca Dalmastri

Medico chirurgo specialista in Psichiatria. Psicoterapeuta e psico-oncologa. Dal 2002 impegnata nell’assistenza di persone affette da malattia inguaribile in fase terminale.